Chiusura dell’anno contradaiolo

Una lunga giornata di ringraziamenti e festeggiamenti per fare un bilancio dell’edizione 2015 e cominciare a preparare il Bravìo delle Botti del prossimo anno: tutta la comunità poliziana attende la giornata di domenica 20 settembre, che sancirà la chiusura dell’anno contradaiolo. Con le cerimonie della mattina e le premiazioni al Teatro Poliziano del pomeriggio, si concluderà così un percorso di molti mesi che ha portato a un’edizione piena di emozioni.

Domenica mattina, a partire dalle ore 10, le contrade sfileranno in corteo storico lungo le strade cittadine, partendo dal Comune e arrivando fino alla Chiesa di S.Agnese, dove si svolgerà la cerimonia religiosa di chiusura dell’anno contradaiolo e il gruppo sbandieratori e tamburini saluterà le contrade prima che ognuna torni nella propria sede.

Grande attesa per le premiazioni al Teatro Poliziano: l’evento del pomeriggio, a partire dalle ore 16 e condotto da Diego Mancuso, vedrà infatti lo svolgimento degli ultimi importanti riconoscimenti di quest’edizione del Bravìo delle Botti. Nell’occasione saranno infatti consegnati il premio “Arca d’Argento” dedicato al miglior corteo storico e il “Memorial cav.Trabalzini” dedicato alla migliore coppia di sbandieratori e alla migliore coppia di tamburini, entrambi assegnati sulla base delle votazioni della giuria durante la gara dello scorso 30 agosto.

Inoltre, in occasione dell’Arca d’Argento sarà anche consegnato il premio Grifo Poliziano, istituito nel 2012 dall’Amministrazione Comunale per premiare una personalità che si sia distinta per il proprio impegno nella promozione della città e del territorio e per la realizzazione di iniziative che siano legate a prospettive di crescita e sviluppo. E’ stato già assegnato a Gianluigi Matturri, promotore della prima mostra Macchiaioli a Montepulciano, al giornalista Bruno Gambacorta ed allo scultore cinese Xu Hong Fei. Come preannunciato il 23 agosto, in occasione della presentazione del panno del Bravìo 2015, la quarta edizione del premio andrà, alla memoria, al Maestro Hans Werner Henze, uno dei più grandi compositori contemporanei, ideatore ed a lungo direttore artistico del Cantiere Internazionale d’Arte. A ritirare la statuetta sarà Michael Kerstan, Presidente della Fondazione Henze.

Ulteriori riconoscimenti sono attesi per il concorso fotografico “Attimi di Bravìo” del Photoclub poliziano e il “Bravìo nel cuore”, assegnato dal Magistrato delle Contrade ai personaggi che si sono dedicati con particolare passione alla manifestazione poliziana. Una giornata di ringraziamenti e festeggiamenti, quindi, per salutare tutti i contradaioli e prepararsi a un’altra entusiasmante edizione del Bravìo delle Botti.

Leave a Reply